martedì 14 settembre 2010

Quanto ci conviene collaborare...?

Come vi abbiamo riportato nel report dei prossimi turni invernali, è intenzione della Direzione spostare, da sabato/domenica a un giorno infrasettimanale, i CTA ETES, PTES, REL-TES, ETWS, PTWS, REL-TWS, MAR e ARR-REL4.
Tale procedura necessita del consenso del lavoratore interessato; qualora i suddetti non fossero disposti a concedere tale spostamento, l'Impiego lo chiederà agli altri colleghi della giornata; se nessuno dovesse dare la disponibilità, il log uscirà normalmente con tutte le posizioni coperte.

Due conti...
Da Ottobre a Gennaio avremo 18 sabati e 18 domeniche.
Le posizioni operative definite “superflue” dalla Direzione sono 8, tutte H16, per un totale di 128h al giorno e 256h a w-e.
Stiamo quindi parlando di un totale di 4.608 ore ordinarie, spostate da un giorno all'altro per coprire le necessità operative, di ferie, di addestramento.
Evitando di programmarle come lavoro straordinario, si ottiene un risparmio di circa 390.000 €, in media 1.700 € per ogni EXE e 1.500 € per ogni PLN.

Chi ci guadagna...?
Ricordiamo a tutti che questa “flessibilità”, anzi “ottimizzazione” (cit. Direttore) è una NECESSITA' AZIENDALE, NON DEL PERSONALE.
Siamo turnisti, pagati per lavorare il sabato e la domenica e abituati a farlo; se proprio abbiamo bisogno di liberarci un giorno, non abbiamo mai avuto problemi ad aiutarci tra noi con i cambi. Quindi, a parer nostro, collaborare con questa iniziativa porta vantaggio solo all'Azienda.
Ognuno è libero di scegliere se collaborare; ma più non di lamentarsi però.

SCARICA PDF

1 commento:

Anonimo ha detto...

Patto col Diavolo.

Vado ripetendo da giorni in sala che questo è un patto col diavolo.
Si fa una volta e si pagano le conseguenze per sempre.
Se "collaboriamo", nulla impedirà all'azienda di stabilire che quelle posizioni sono completamente superflue e conseguentemente di eliminarle nel prossimo layout senza che noi, ENAC o Corte dei Conti (che invece sarà ben contenta) possiamo mettere bocca invocando il traffico da fare...
La lezione esaustività non è servita a nessuno?

Roberto Corsaro